Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

“La stima è come un fiore, che pestato una volta”

La stima è come un fiore, che pestato una volta gravemente o appassito, mai più non ritorna

Giacomo Leopardi

Lettere

Jetez-vous dehors
dans les circonvolutions du monde
Prenez des risques, faites votre propre travail,
en être fier.

Saisissez le moment

Découverte du joli village de Valensole et le village de Bauduen, sur le lac de Sainte-Croix

La vera vocazione di ognuno è una sola, quella di arrivare a se stesso.
Finisca poeta o pazzo, profeta o delinquente, non è affar suo, e in fin dei conti è indifferente.
Affar suo è trovare il proprio destino, non un destino qualunque, e viverlo tutto e senza fratture dentro di sé.
Tutto il resto significa soffermarsi a metà, è un tentativo di fuga, è il ritorno all’ideale della massa, è adattamento e paura del proprio cuore.

Demian, H.H.

Mi chiedo

Mi chiedo

come risalire

Come prendere
una lampada e addormentare l’oscuro
che non reggo ,

pensieri e buio .

So
che le finestre si aprono ancora


Che l’acqua esiste

E che io sono assetata

Per questo m’ appresto

Ingorda ad ogni fonte

Posso essere luce

Forse non sono neppure

avanzo di specchio di luce

Il dubbio logora

Posso ancora accendermi ?

Allora …

Come risalire


da ma a me ?

È l’oblio che prende spazio

E mi rende sfinita

Questo corpo rammollito

Sembra andare in letargo

Non assopirti ,

non ancora

Abbracciami

sii impetuoso

Sii tenace

Stringimi con la forza di

Un’amante gonfio di

desiderio e basta con

questo graffiare la terra

senza artigli

Insane abitudini..

Questo mio linguaggio
Così improprio
Come cercare invano
una molecola semplice
Ché il cammino è segnato

Scopro la bellezza del basso

.

.

.

.

Cerco un inizio

Rastrello la terra

Faccio nido tra le formiche

Sosto in gallerie notturne

Ho salutato le lucciole

con luce intermittente

Sono scivolata a mare

Ero scia di fuoco

Questo mio linguaggio così

improprio tra terra e fuoco

Risalire dal fondo

Dal nascondiglio così in basso così caldo

Così intimo

Respirare, si ho il respiro corto

Esci con me

Devo riprendere fiato

I nostri corpi farneticanti

È così alienante il nostro linguaggio

Pubblicato da Sossu

Quando soffia il vento del cambiamento, alcuni costruiscono muri, altri mulini a vento. Proverbio cinese "L'APPARENZA INGANNA "

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: