Sono onde bianche s’ involano a confondere gabbiani

“Io era spaventato nel trovarmi in mezzo al nulla, un nulla io medesimo. Io mi sentiva come soffocare, considerando e sentendo che tutto è nulla, solido nulla”. Leopardi, Zibaldone. Una chiave di lettura : “…solido nulla”: un ossimoro terribile. Per Leopardi il nulla è il non senso dell’esistenza, l’insignificanza di ogni cosa di ogni personaContinua a leggere “Sono onde bianche s’ involano a confondere gabbiani”

“Meglio accendere una candela che maledire l’oscurità ” Piccole luci vagano solitarie mentre io resto a terra nell’ immobilità che impedisce il gesto la parola

Una candela Poi un’altra le ho moltiplicate per cento Al primo alito si sono spente Ho consumato i miei fiammiferi L’accendino ? Ne ho diversi , si sono consumati anche loro Il sole è alto e fa un caldo bestia È tempo di ustionarsi È tempo di grano maturo Che c’è ? C’ è quellaContinua a leggere ““Meglio accendere una candela che maledire l’oscurità ” Piccole luci vagano solitarie mentre io resto a terra nell’ immobilità che impedisce il gesto la parola”

E mi chiedo con insistenza cosa sia il Tempo …

Il Tempo è una sensazione globale ? Non può essere … È forse una delibera della mente nella logica finale … E No! Mi viene da ribellarmi O forse, è un offuscamento artificioso ? E se così fosse… non può essere universale ! “Uomini contro “ regista Francesco Rosi –Basta con questa guerra tra mortiContinua a leggere “E mi chiedo con insistenza cosa sia il Tempo …”

Per vivere la spensieratezza mi faccio piuma maculata di desideri

Ci sono dei sentimenti così intraducibili che ci vuole la musica per esprimerli A.Esparsieux “E’ molto meglio una testa ben fatta che una testa ben piena“ Finalmente con il decreto della pubblica amministrazione anche la libertà d’insegnamento va a farsi benedire… Secondo Morin, una testa ben fatta dispone di una attitudine a trattare i problemiContinua a leggere “Per vivere la spensieratezza mi faccio piuma maculata di desideri”

Melissa: Brindisi, Afghanistan o peggio. 230

Originally posted on Cor-pus:
19 maggio 2012 sabato 15:38 . puoi chiamarti Melissa o Veronica, andare tranquillamente a scuola una mattina, essere ferma davanti al cancello in attesa della campanella (ma ci vuole tanto a far entrare i ragazzi anche prima che arrivino i professori?), sentire un botto che comincia da non troppo lontano e…

Regalano sogni i bambini Scendono lacrime che danno vita alla rugiada

Una ninna nanna per ad lo ELENA Ci hai presa in giro per giorni con falsi allarmi, sei arrivata in ritardo “perché i secondi arrivano sempre prima” ed ora ronfi come un ghiro mentre noi restiamo incantati ad ammirarti… Nonna per la quarta volta Benvenuta Meraviglia ! Chelu Nieddu Ho venerato l’amore,non si tinga d’Continua a leggere “Regalano sogni i bambini Scendono lacrime che danno vita alla rugiada”

“possa chi porta fiori questa notte avere la luce della luna”

Mi guardate biecamente perché sono diversa Anche io vi guardo e sorrido ché siete tutti uguali      https://m.youtube.com/watch?v=Hp2LasL92cg Con l’aria che tira , anche affrontare la tastiera del computer, diventa un esercizio difficile . Un plauso ai blogger più tenaci . Anche a chi fa il saltimbanco A chi ha da dire sulla “politicaContinua a leggere ““possa chi porta fiori questa notte avere la luce della luna””

Insieme sedersi nei volteggi del vento Incontrarsi in capriole di foglie

A volte ti viene anche quella stanchezza Sono vortici di pensieri “Quando stai per mollare fermatiun attimo e pensa al motivoper il quale hai resistito fino ad ora.Pensa alla meta, non a quantosia lungo il tragitto.Rimboccati le manichee non avere paura delle avversità.Guardati allo specchio e riconosciquel combattente che ti sta di fronte.Lotta e combatti!EContinua a leggere “Insieme sedersi nei volteggi del vento Incontrarsi in capriole di foglie”

Le Vie dell’Immaginario (Allonsanfàn parte decima: Alice nel Paese delle Meraviglie)

Originally posted on Chiedo ai sassi che nome vogliono:
“A che serve un libro, pensò Alice, senza dialoghi né figure?”. https://youtu.be/z7BlNHrDUmM Pensare di trasformare un intero, estesissimo quartiere storico, per pezzi consistenti semi abbandonato, in un gigantesco libro, le cui pagine sono rappresentazioni d’altri libri, “Alice nel paese delle Meraviglie”, il suo seguito immaginifico “Alice…

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito