Eppoi certe volte vince la stanchezza … Regna il silenzio

Dopo un soggiorno necessario , in compenso breve, sono tornata a casa Gioia non ha nome la senti all’improvviso come una nota che si alza all’alba o al crepuscolo che tiene il suono al livello tesa come cordame su una pianura di dolcezza non ha nessun motive per questo si può sopportare lungamente e confondereContinua a leggere “Eppoi certe volte vince la stanchezza … Regna il silenzio”

La terra forse si vede solo da lontano Non ha frontiere Non ha confini Non ha sud Non ha nord . . .

Ogni alba ti ergi al solell tempo scolpisce formaE muove senza sostamendace e caparbioAttesa di gemitoLangue il respiroDuole la sorteAnsima il fiato Il corpo tuo integroNon più gusto al tattoNon più l’odoreNé il nome, sussurratoacclamato, ripetutoVento caldo aleggiavaVolteggio mirabile per noiPendolo appassionato perenneAnsima il fiato Parole a sensoSuonavano al duettoCoesione totaleRosa dei venti in dissolvenzaMeridianoContinua a leggere “La terra forse si vede solo da lontano Non ha frontiere Non ha confini Non ha sud Non ha nord . . .”

“L’immaginazione è più importante della conoscenza” Albert Einstein

La conoscenza è necessaria ,diventa sempre un po’ più difficile riuscire ad acquisirla . Che ne pensate ? Senza conoscenza si possono leggere comprendere e decodificare gli avvenimenti ? Nel caos disinformato è possibile valutare cosa è meglio fare ? Mi viene sonno all’improvviso ! Chi nel proprio piccolo mondo sceglie ? Chi soggiace alleContinua a leggere ““L’immaginazione è più importante della conoscenza” Albert Einstein”

Vida e razos di Jolanda Insana

Originally posted on LA DIMORA DEL TEMPO SOSPESO:
Jolanda Insana, foto di Dino Ignani * Tratto da: Rodolfo Zucco, Libro di incontri e di letture, illustrazioni di Sandro Pazzi, Fermo, Associazione Culturale “La Luna”, 2021. Il saggio sarà pubblicato integralmente in “Quaderni delle Officine”, vol. CXX, settembre 2022. Un sentito ringraziamento all’autore, all’associazione e all’editore…

“La stima è come un fiore, che pestato una volta”

La stima è come un fiore, che pestato una volta gravemente o appassito, mai più non ritorna Giacomo Leopardi Lettere Jetez-vous dehorsdans les circonvolutions du mondePrenez des risques, faites votre propre travail,en être fier. Saisissez le moment Découverte du joli village de Valensole et le village de Bauduen, sur le lac de Sainte-Croix La veraContinua a leggere ““La stima è come un fiore, che pestato una volta””

Vento , certi attimi sprofondi nelle mie viscere…

Se tu sei vento io sono spazio Sono in un angolo consecutivo abbozzato Si, resto per accogliere Sono un tentativo di esistere resistente La trasparenza è il privilegio delle menti libere.I puri di cuore non hanno nulla da vendere Scritto a matita in vagone piombato Qui, in questo convoglioci sono io Evacon Abele mio figlioSeContinua a leggere “Vento , certi attimi sprofondi nelle mie viscere…”

Oltre tutto

Oltre tutto hai ottenuto quello chevolevi da questa vita, nonostante tutto?Sì.E cos’è che volevi?Potermi dire amato, sentirmiamato sulla terra. Potere amare …senza paura “Show” Guardateli bene in faccia.Guardateli. Alla televisione, magari, in luogodi guardar la partita.Son loro, i “governanti”.Le nostre “guide”.I “tutori” eletti – della nostra vita. Guardateli. Ripugnanti. Sordidi fautoridell’”ordine”, il limodel loro animoContinua a leggere “Oltre tutto”

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito