Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

Si è sempre responsabili di quello che non si è saputo evitare.” Jean Paul Sartre

Mauro i tuoi video sono fantastici, a me sembra di essere lì ,grazie “ La pazienza è amara, ma il suo frutto è dolce ”Jean-Jacques Rousseau… forse è così Da lontano ti devo amaredalla tranquilla distanzain cui l’amore è saudadee il desiderio, costanza.Dal luogo divinodove il bene dell’esistenzaè essere eternitàe sembrare assenza.Chi ha bisogno diContinua a leggere “Si è sempre responsabili di quello che non si è saputo evitare.” Jean Paul Sartre”

Nimium caelo et pelago confise sereno, nudus in ignota, Palinure, iacebis harena

Troppo al sereno e troppo a la bonacciaCredesti Palinuro.Or ne l’arenaDal mar gittato in qualche strano litoIgnudo e sconosciuto giacerai.Nè chi t’onori avrai, nè chi ti copra Virgilio Enea piange Palinuro, vedendo le ossa dei marinai mortiallo scoglio delle Sirene. Potrebbe essere la tomba vuota di unodi cui non fu possibile recuperare il corpo. “QuandoContinua a leggere “Nimium caelo et pelago confise sereno, nudus in ignota, Palinure, iacebis harena”

Show

Originally posted on Tana libera tutti:
Guardateli bene in faccia.Guardateli. Alla televisione, . Magari,in luogo di guardar la partita. Son loro i “governanti” Le nostre “guide” I “tutori” -eletti- delle nostra vita Guardateli. Ripugnanti. Sordidi fautori Dell’ “ordine”, il limo del loro animo tinge di pus la sicumera dei lineamenti Sono (ben messi)i nostri illibati…

Ahi serva Italia, di dolore ostello, nave sanza nocchiere in gran tempesta, ma bordello! e ora in te non stanno sanza guerra li vivi tuoi, e l’un l’altro si rode di quei ch’un muro e una fossa serra

E così i russi, i liberatori di Auschwitz, non vengono invitati alla cerimonia di commemorazione della liberazione del campo da parte dell’armata rossa, mentre i fasci ucraini, che al tempo stavano coi nazisti, sono gli ospiti d’onor nel frattempo… Dei palestinesi non si parla più . Parlo della bellezza Parlo della bellezza. Non ci siContinua a leggere “Ahi serva Italia, di dolore ostello, nave sanza nocchiere in gran tempesta, ma bordello! e ora in te non stanno sanza guerra li vivi tuoi, e l’un l’altro si rode di quei ch’un muro e una fossa serra”

https://youtu.be/oYdnUHCpomQ

“Silloge” estemporanea per Verso e Con Verso” – “Milizie d’un tempo nuovo” Vi chiamo a raccoltamilizia del mio tempo, sentinelle e arciericapitani della battaglia.Grido la tregua e vi dico: abbracciate ciò che del bambino vi supplicaabbracciatelo strettocon un assedio d’amore senza vergogna trovate per lui una stanza piena di azzurroche sia nutrito consolatocome giusto meritaContinua a leggere “https://youtu.be/oYdnUHCpomQ”

“Dopo tutto il pazzo squilibrato che uccide milioni di persone, non è solo ,ha bisogno di lavoratori efficienti, affidabili, di una buona catena di montaggio”

Presi, come siamo nei nostri problemi, spaventati da un futuro che non è più promessa, ma minaccia, diventiamo ancora più disattenti, quando non indifferenti a chi, ormai da sempre, è costretta sopravvivere ai margini della società. Nello spazio in cui vivo c’è la diversità e ci si incontra non per assimilarsi gli uni agli altri,Continua a leggere ““Dopo tutto il pazzo squilibrato che uccide milioni di persone, non è solo ,ha bisogno di lavoratori efficienti, affidabili, di una buona catena di montaggio””

mi bagna l’aria dell’alba, è velo che veste la pelle

mi bagna l’aria dell’alba, è velo che veste la pelle al calore della luce che Quel campo d’erba raso ancora profuma di fieno stordite sono le farfalle essenza di fiori. Poche righe scritte nel libro , nel tempo che mi sfugge VOCI NELL’ARIA Infine arriva, il raro istante,quando, senza alcun motivo,le flebili voci dell’ariasuonano sopraContinua a leggere “mi bagna l’aria dell’alba, è velo che veste la pelle”

E vennero a trovarci le prime luci del mattino come se fossero le prime parole di una storia d’amore. Emily Dickinson

Il “distanziamento sociale” può intaccare l’amore che siamo ? Se lo siamo …Abbiamo più tempo e più silenzio per raccontarci l’inconfessato e per fare scambio di poesie, come si faceva con le figurine, scambi forti di rarità, quelli che hanno il potere di liquefare lo sguardo e riscaldare le mani in un istante. Quando dicoContinua a leggere “E vennero a trovarci le prime luci del mattino come se fossero le prime parole di una storia d’amore. Emily Dickinson”