Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

“L’aggressività è una pulsione combattiva fra individui della stessa specie “

…”L’opinione che sia reale solo quello che si può misurare o quantificare, negando quindi valore all’esperienza soggettiva ed interiore, alle emozioni, ai sentimenti, è la concezione del mondo oggi dominante che ha portato ad uno svuotamento di senso e a una progressiva disumanizzazione …”

Lorenz Konrad

Lo scientismo

C’è un limite al dolore

C’è un limite al dolore

È lì che si cerca conforto

È dove altri non possono

giungere

Un’ombra nera dall’orto fino a noi.

La nostra …la tua

e me ne dolsi

Nella pozza del buio la tua parola

Debordò

Fu così forte l’urto sulla scogliera iridescente

Poi si disperse

come barca di carta

colta da pietra d’una minaccia

insensata per chi

nulla sa

Sorrido, sorridi

Ci sono, ci sei

Determinatamente al nostro posto

Potendo essere in infiniti altri luoghi

Pubblicato da Sossu

Quando soffia il vento del cambiamento, alcuni costruiscono muri, altri mulini a vento. Proverbio cinese "L'APPARENZA INGANNA "

2 pensieri riguardo ““L’aggressività è una pulsione combattiva fra individui della stessa specie “

  1. Lorenz aveva qualche retropensiero politicamente pericoloso, ma restando all’accusa allo scientismo, basterebbe ritornare a Wittgenstein e a dire solo ciò di cui si può parlare, in questo le scienze dure ovvero la fisica e le altre soggette all’imperativo galileiano, sono molto più semplici nel parlare solo di ciò che è dimostrabile. Il resto, sentimenti, coscienza ecc.non è dimostrabile e fa parte delle domande senza risposta. Il punto è proprio questo, il naturalismo ammette domande senza risposta, chi fa domande alla scienza questo non lo ammette.

    "Mi piace"

    1. Grazie Willy confesso la mia ignoranza sui retropensieri di Konrad . In realtà il mio dire converge sul naturalismo che ammette domande senza risposta . Chi fa domande alla scienza questo non lo ammette , è vero !
      Le proposizioni non-sensi sono quelle né significanti né tautologiche e sono quelle che non fanno comprendere la logica del linguaggio. Il compito della filosofia è quello di dover essere critica del linguaggio, quindi chiarificazione logica del pensiero; essa non è una dottrina, ma un’attività.Le proposizioni non-sensi sono quelle né significanti né tautologiche e sono quelle che non fanno comprendere la logica del linguaggio. I limiti del linguaggio, sono i limiti del mondo, di ciò che può essere capito, pensato, espresso. la filosofia non può pretendere di parlare del mondo nella sua totalità, è certo neppure la scienza se non di ciò che è dimostrabile !
      Il linguaggio verbale può essere compreso solo a partire dalla sua stessa realtà, nel linguaggio stesso e dalla consuetudine. Il linguaggio scritto resta . A volte crea discrepanze ,fratture fino a mettere da parte. Leggo meglio L. Konrad . Buon tutto

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: